Rassegna Stampa - Anno 2015 - :::::Carosello Storico dei Rioni di Cori:::::

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Rassegna Stampa - Anno 2015

Rassegna stampa
Porta Romana vince il Palio Madonna del Soccorso 2015

Come nel 2012 Porta Romana, detentrice anche del Palio S.Oliva 2014, ha vinto il Palio Madonna del Soccorso 2015, portando a 12 il numero dei cimeli in bacheca (5 Madonna del Soccorso e 7 S.Oliva). È stata come al solito una corsa all’ultimo anello, un botta e risposta tra le tre Contrade che si sono rincorse per tutto l’arco delle 36 carriere, nell’arena immersa tra gli spalti gremiti di Piazza Signina.
Una bolgia dalla quale è uscita una sola squadra vincitrice: Porta Romana con 7 anelli, seguita da Porta Ninfina con 5 e Porta Signina con 2. Tra le acclamazioni, i quattro cavalieri giallocelesti, Roberto Marchioni; Alessandro, Benedetto e Sergio Fiaschetti, al galoppo serrato in sella ai loro destrieri, hanno solcato la pista fin sotto la tribuna delle autorità dove hanno ritirato l’ambito drappo realizzato dall’artista locale Alessio Pistilli, portato poi in trionfo dai contradaioli al grido di «Per aspera ad astra» fin entro le mura amiche della parte di Cori valle che guarda verso Roma.
Nella Collegiata SS. Maria della Pietà la consueta benedizione del Palio e dei cavalieri da parte Don Giorgio, davanti al Priore Agostino Guidi e alla Priora Anna Tartara. Poi i festeggiamenti fino a tarda notte a Piazza Romana, ai piedi del fontanone dove ha luogo il tradizionale rito del bagno della vittoria. Le altre due Porte potranno prendersi la rivincita il 25 Luglio, quando a Stoza si disputerà in notturna il Palio di S.Oliva dipinto dall’artista corese Luana Milita. Prima però spazio alle Feste di Porta: Romana (4-5 Luglio – Piazza Romana), Ninfina (11-12 Luglio – Stoza), Signina (18-29 luglio – Piazza S.Giovanni).
L’attesa sfida è stata preceduta dal corteo storico in costumi rinascimentali, esaltato dall’opera manuale di sartorie specializzate, partito da Piazza della Croce e giunto a Piazza Signina, dopo aver attraversato, da valle a monte, le stradine dei centri storici della città, nel bagno di folla riservato ai figuranti dal pubblico assiepato ai bordi del “bravium”. Dopo l’esibizione degli Sbandieratori di Cori, Leone Rampante e Contrade, ha avuto inizio l’avvincente gara equestre tra cavalieri che devono infilare, con pugnale di legno a punta d’acciaio, un anello d’argento pendente da una staggia posta a circa metà del rettilineo da percorrere.
I quattro cavalieri di ciascuna Porta, tre titolari e una riserva, ciascuno con la casacca del proprio Rione, si sono affrontati in un duello di abilità e velocità. Ognuno in sella al suo cavallo in corsa, doveva centrare l’anello con il pugnale, raccogliendone il maggior numero possibile, entro il tempo minimo stabilito mediante un’apposita sessione di rilevazione e corrispondente alla loro media. Quattro le corse, per ciascuna delle quattro carriere, a disposizione di ciascuno dei tre concorrenti di ogni Porta il quale deve anche saper controllare l’entusiasmo dopo aver infilato l’anello che, per essere validamente assegnato, deve essere mantenuto sulla punta del pugnale per una distanza minima dalla staggia.
Hanno da cornice alla domenica i due eventi organizzati dalle cantine locali in sinergia con l’Ente Carosello e  l’Amministrazione comunale – Assessorato alle Attività Produttive e Promozione del Territorio. ‘Cori, dall’Alba al Tramonto. Una giornata tra storia, cultura ed enogastronomia’: la mattina è stato possibile effettuare visite guidate e degustazioni gratuite presso Cincinnato, Marco Carpineti e Pietra Pinta. La sera invece, nel ‘Fuori Palio. Il vino e le Arti’ i tre viticoltori hanno offerto una degustazione di vini all’ombra del Tempio d’Ercole, allietata da un intervento pianistico dei maestri Giovanni Monti e Carlo Vittori.
 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu